Il canale di segnalazione dovrebbe essere un’app o un portale web?

In prossimità dell’entrata in vigore dell’obbligo di disporre di un canale di reclamo interno per le aziende con più di 50 dipendenti secondo la nuova direttiva europea per la tutela dei whistleblower (DIRETTIVA (UE) 2019/1937 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO ), stanno comparendo sul mercato app che supportano questa esigenza.

Da ithikios, abbiamo considerato l’approccio al canale come un’app, ma dopo un’analisi iniziale, abbiamo ritenuto che non fosse l’opzione migliore per i seguenti motivi:

  • anonimato . L’utente, nella maggior parte dei casi, vorrà il massimo anonimato. L’installazione di un’app non viene percepita come anonima, poiché il proprietario del dispositivo può essere identificato.
  • Frequenza d’uso . È considerato ottimale avere un’app per rispondere a un’esigenza, quando viene eseguita frequentemente. Riteniamo che i reclami verranno effettuati in modo molto puntuale e quindi ci sembra aggressivo, richiedere l’installazione di un’app per poter effettuare il reclamo/comunicazione.
  • L’uso di elementi del cellulare , come la geolocalizzazione o l’accesso alla fotocamera. Insistendo sul concetto di anonimato e privacy, in nessun caso sono richieste funzionalità specifiche di un cellulare.
  • Collega il brand del canale all’app . A meno che non siano realizzate per clienti molto grandi, le app devono avere un’immagine indipendente del canale, per poter essere utilizzate in molte aziende. Ciò genera confusione da parte del denunciante, che non è chiaro su chi sta segnalando. Avrebbe senso se il canale dei reclami fosse una merce fornita dal sistema operativo del dispositivo, una sorta di app iOS o Android obbligatoria. Questo, per questo tipo di applicazione, sembra impossibile che possa essere prodotto.
  • Semplicità per l’inserimento delle informazioni . Se il processo è complesso, è possibile progettare un’app specifica per semplificare il processo. In questo caso, le informazioni sono minime ed è facilmente implementabile in un modulo web ottimizzato per dispositivi mobili.

Analizzando questi punti, sembra che il percorso ottimale sia un portale web responsive. In altre parole, una pagina web perfettamente adattata ai dispositivi mobili.

  • Consente un maggiore anonimato.
  • Non richiede risorse aggiuntive sul dispositivo mobile.
  • Consente l’accesso da qualsiasi dispositivo che supporti un browser.
  • Non richiede la reinstallazione dell’app in caso di modifiche.

Per questi motivi, da ithik ios ci impegniamo per un portale web configurabile e facile da installare con il marchio dell’organizzazione che vuole implementarlo.

Un’app ha comunque senso? magari se supporta il canale vocale che dovrebbe essere offerto come alternativa ai whistleblower. Se questo non è previsto dall’app, riteniamo che un’app non sia la soluzione ottimale per facilitare un canale di reclami/etica anonimi.

ithiki ti fornisce un canale di etica / informatore anonimo nel cloud, noto anche come software as a service saas. Le caratteristiche principali sono:

  • Personalizzabile per ogni cliente.
  • Consente comunicazioni anonime.
  • Facilita il rispetto delle normative.
  • Flessibile e semplice, senza più complessità del necessario.
  • Progettato per facilitare il successivo processo di gestione dei reclami
  • Perfetto per essere gestito sia dal Compliance Officer dell’organizzazione, sia da un compliance officer in outsourcing.

Non essendo legato ad uno studio legale, il cliente può gestire in autonomia la piattaforma e il servizio di compliance, facilitando i cambi di fornitore se in qualsiasi momento richiesto.

Di più informazioni e contatti .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.