Il canale etico, una soluzione jolly

Il canale etico, un jolly per diversi protocolli

Sul mercato si trovano poche soluzioni necessarie in contesti diversi e sconosciute, in generale, come il canale dei reclami/canale etico. È un pezzo essenziale per rispondere alla necessità di controllo nei diversi protocolli, ma raramente viene implementato correttamente.

Cosa serve?

Se tutte le persone che interagiscono con un’organizzazione agissero in modo etico, sarebbe inutile. Ma la realtà mostra che non sempre gli esseri umani agiscono in modo etico e quindi un canale etico è molto utile. Fondamentalmente serve a due cose:

  1. Dimostrare che l’azienda ha il chiaro obiettivo di agire sempre in modo etico, nel rispetto dei propri principi e della legge. E attraverso il canale, rende più facile ai terzi che osservano atteggiamenti scorretti comunicarli e quindi correggerli in modo rapido e diligente. Un giorno, non avere un canale etico sarà la prova che questa organizzazione non è trasparente.
  2. Genera un freno affinché coloro che potrebbero agire illegalmente o contrari al codice di condotta dell’organizzazione. Il solo fatto di avere un canale etico scoraggia molti, che se non esistesse, potrebbero considerare di agire illegalmente.

Il canale fornisce un meccanismo per facilitare la comunicazione di atti illegali o che vanno contro il codice di condotta dell’organizzazione. C’è sempre qualcuno che, agendo eticamente e con principi di integrità, commenterà una situazione non corretta. Inoltre, se il canale è anonimo, sarà comunque più facile segnalare azioni irregolari. E questo accade in tutti i tipi di organizzazioni, grandi, medie e anche piccole, pubbliche o private.

È obbligatorio avere un canale etico?

La risposta è dipende, ma molto presto la risposta sarà sì per molte organizzazioni. A dicembre 2021 il Direttiva Europea 2019/1937 che renderà obbligatorio per le aziende con più di 50 dipendenti o 10MM di euro di fatturato avere un canale di reclamo. Resta da vedere come verrà recepita la direttiva in Spagna e le possibili sanzioni per il mancato rispetto.

Ma a prescindere dalla direttiva, il canale è già previsto da altre normative/leggi e interessa diversi ambiti e aziende. Eccone alcuni:

  • Conformità penale
  • ONU 19601/ISO 37301
  • Protocollo di molestie sul lavoro, sessuali o basate sul sesso
  • Piano di uguaglianza
  • Legge sulla protezione dei dati
  • Riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo

E dal 2018, i reclami in Spagna possono essere anonimi e quindi l’e-mail non è più un canale adeguato come meccanismo di comunicazione.

Chi dovrebbe implementare un canale?

Dipende dal tipo di attività, ma molti sono già tenuti a implementarlo.

  • Da dicembre 2021, aziende con 250 o più dipendenti o 10 milioni di euro. E entro 2 anni, aziende con 50 o più dipendenti.
  • Per il piano per la parità, dal marzo 2021 le imprese con più di 100 dipendenti.
  • Per il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo ci sono molte aziende che devono implementare il canale interno, come entità finanziarie, assicurazioni, criptovalute, fondazioni, proprietà immobiliari / costruzioni, notai, registri o avvocati tra gli altri.

A partire dal ithikios Abbiamo creato un canale reclami interno, facile da implementare, che copre le normative legali e facilita la gestione in aziende di diverse dimensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.